Abbiamo 118 visitatori e nessun utente online

  • Etna

    Patrimonio dell'Unesco.
  • Sicilia Terra del sole

  • Monumeti di Sicilia

  • Monumenti di Sicilia

  • Il Carretto Siciliano

prev next

>PROGRAMMA

Come gruppo guide naturalistiche di Federescursionismo Sicilia svolgeremo le nostre escursioni attraverso il sentiero natura di Monte Nero degli Zappini, programmata la visita guidata straordinaria del Giardino Nuova Gussonea, per quest'ultimo, gruppi composti da 15 persone per volta, sabato e domenica dalle 9 alle 13, si consiglia la prenotazione (contatti riportati sul programma). Coordinero' l'attivita' al Giardino Nuova Gussone con la consulenza scientifica del prof. Gianpietro Giusso (direttore Orto Botanico CT) ed il supporto del personale Ufficio Servizio per il Territorio di Catania. Partecipazione del prof. Franco Maria Raimondo (gia' presidente Societa' Botanica Italiana, prof. Domenico Cavarretta (Dirigente Forestale in pensione - gia' Capo Ufficio Speciale della Montagna per la Regione Siciliana). Al Giardino Botanico Nuova Gissonea fondamentale il ruolo della prof.ssa Emilia Poli Marchese, decana dell'Univerista' di Catania, storica componente del Comitato Tecnico Scientifico Parco dell'Etna, dall'istituzione ha inteso trasferire buona parte della biodiverista' vegetale dell'ecosistema Etna, con tutti i suoi endemismi, quindi essenze arboree impiantate in condizioni estreme che si sono adattate in questo straordinario laboratorio scientifico di educazione Ambientale.

 

SENTIERO NATURA MONTE NERO DEGLI ZAPPINI
Ragalna
Tempo di percorrenza: 2h
Lunghezza compressiva: 4,5h km a/r
Dislivello: 200 m
Escursione: facile

Il primo tracciato realizzato dall’Ente Parco Etna nel 1987, anno dell’istituzione del primo Parco Naturale Regionale, in collaborazione e supporto con alcune istituzioni regionali – enti nazionali. E’ probabilmente tra i più conosciuti e frequentati, un itinerario con alto valore didattico, purtroppo con un rilevante difetto, in quanto si percorre un lungo tratto di strada asfaltata (seppure chiusa al traffico veicolare privato).
Un itinerario che racchiude in pochi chilometri diversi motivi d’interesse, con pregevoli aspetti paesaggistici e naturalistici.
L’itinerario comincia dalla distesa di Piano Vetore. Questo sito da dicembre 2002 ricorda un importante evento in occasione dell’Anno Internazionale della Montagna (celebrato dalle Nazioni Unite), il 13 maggio 2009 integrato da un percorso naturalistico-spirituale dedicato a S. Giovanni Paolo II e Le Care Montagne che parlano di Dio, quindi organizzata in loco la scuola sci di fondo Belpasso.
Colonizzata dalle piante pioniere, ai margini la presenza di alcuni filari di pioppi, il sentiero s’inerpica tra colate laviche sino ad un conetto vulcanico, qui si possono osservare le scorie saldate e lateralmente un canale di scorrimento lavico. Il sentiero si biforca su due direzioni, quella breve in direzione dell’ovile, l’altra in salita per ammirare un’area caratterizzata de vegetazione rada (vetusti pini e qualche faggio). Si prosegue attraversando il greto di un torrente stagionale, qui l’azione dell’acqua mostra come si è levigata la colata lavica, si raggiunge successivamente la pineta di Monte Denza, dove si osserva la differenza tra la zona a pascolo e quella tutelata, con la naturalizzazione del bosco. Attraverso una carrareccia si scende di quota, fiancheggiando il Giardino Botanico Nuova Gussonea. Raggiunta la pista altomontana (nel tratto asfaltato), si prosegue a sinistra per duecento metri, dove si incontra una deviazione per il vivaio forestale, da qui si raggiunge la provinciale Adrano-Monte San Leo.
Il tracciato principale prosegue sulla pista altomontana attraversando l’ultima parte della pineta. Il tratto finale dell’itinerario, su una zona piuttosto assolato, ritorna a Piano Vetore, attraversando il sito interessato dal tentativo di deviazione con esplosivo, durante l’eruzione del 1983.
L’accesso al punto di partenza del sentiero natura, contraddistinto da una grande stele in pietra lavica, posta in contrada Serra La Nave-Osservatorio Astrofisico, seguendo apposita segnaletica direzione Etna Sud.

GIARDINO BOTANICO NUOVA GUSSONEA

Il giardino Nuova Gussonea, fondato nel 1979 tramite una convenzione tra Università di Catania e Azienda Foreste Demaniali Regione Sicilia, si trova sul più alto vulcano d’Europa, nel cuore della regione mediterranea, che è considerata, come poche altre regioni del globo, un “hot spot” della biodiversità (cfr. Myers 1988, Médail et Quézel 1997, 1999). Il giardino Nuova
Gussonea ricade inoltre in un Sito di Interesse Comunitario (SIC) e nel Parco naturale dell’Etna; è ubicato a 1700 m s.l.m., in Demanio Forestale, estendendosi su un’area di circa 10 ettari. Il giardino Nuova Gussonea ha una struttura del tutto particolare, basata essenzialmente su principi sinecologici, che tengono conto delle comunità in cui le varie piante vivono. Tra i principali settori esso comprende: un vivaio, che oggi contiene circa 3000 fitocelle, ove le piante vengono disposte secondo un ordine filogenetico; circa 200 aiuole, nelle quali le piante vengono raggruppate per piani altitudinali; vaste aree ove sono state impiantate fitocenosi boschive, quali esempi rappresentativi del paesaggio vegetale etneo; superfici laviche (del XIII° secolo) con stadi diversi della colonizzazione vegetale; parcelle sperimentali con finalità applicative; una grotta lavica con vari adattamenti della vita vegetale (Poli Marchese 1986). Una vasta area è stata destinata alla collezione dendrologica dell’ arboreto, ancora nelle prime fasi di attuazione, che ospiterà le specie legnose dell’Etna, in numero di oltre un centinaio (Scuderi 1825).
Fra le attrezzature si ricorda il Rifugio dedicato all’insigne Maestro Valerio Giacomini, in cui si trova una collezione di semi che in parte vengono trasferiti alla banca del germoplasma dell’Università di Catania, con cui si opera in collaborazione.
Nel corso degli anni, attraverso un’intensa e incessante attività, condotta in proficua collaborazione con l’Azienda demanio forestale, sono stati realizzati nuovi settori, altri sono stati ampliati e organizzati in modo da favorire l’introduzione e l’adattamento di sempre più numerosi elementi della flora etnea (Poli Marchese 2007).
La denominazione “Nuova Gussonea è stata scelta per ricordare il noto studioso della flora sicula, Giovanni Gussone, e per dare continuità ad una iniziativa similare che risale a circa un secolo fa.

Carmelo Nicoloso
Vicepresidente Federescursionismo Sicilia
Coordinatore Mezzogiorno d’Italia Centro Parchi Internazionale

 


Il mercatino del carretto siciliano

ISCRIVITI E VENDI I TUOI PRODOTTI

SULLA PIATTAFORMA DI

www.mongibellostore.com

 ACQUISTA PRODOTTI TIPICI / ARTIGIANALI

   

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Vengono utilizzati cookie tecnici e di terze parti . E' possibile conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l'uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.