Abbiamo 127 visitatori e nessun utente online

Belpasso - Nell’ambito della manifestazione ,  “…è di scena la cultura” a cura dell’assessore alla cultura di Belpasso, prof.ssa Barbara Laudani, la presidente dell’archeoclub  di Belpasso, Maria Rosa Vitaliti, collaborata dalla prof,ssa Maria Grazia Pitrè, socia  responsabile alla cultura della scuola secondaria di I° grado, N. Martoglio e della dirigente, Anna Spampinato, hanno organizzato  una passeggiata  titolata” le porte del sacro” , itinerario nelle chiese di Belpasso per fare conoscere le opere d’arte  che in esse sono custodite, itinerario suddiviso in tre giornate e curato dagli alunni- soci archeoclub  scuola Martoglio.

Una passeggiata riuscitissima, le piccole guide, Di Mauro Alessia, Chiara Laudani, Dora Mattia, iniziando dalla chiesa di Sant’Antonio Abate , hanno illustrato le opere importanti di questa chiesa tra cui le tele di Sant’Orsola e Sant’Antonio Abate risalenti al sec. XVII, proseguendo nella chiesa Madre gli alunni, Sara  Gessjca, Francesco Giuffrida, Erika D’Agata, hanno descritto  le opere, la Sacra Famiglia , Sant’Alisabetta e S. Giovannino , tela  risalente al XVII sec., mentre  nella Cappella  della Confraternita  dei Flagellanti  dell’antica Malpasso, illustrano il Crocifisso ligneo, del seicento , dove il Cristo è raffigurato agonizzante; altre tele illustrate, la pala con la Madonna del Rosario e tante altre. Nel 2° itinerario sono state coinvolte :  la chiesa del Convento , dove  ha visto protagonisti gli alunni-guida,  Allegra Susanna, Bisignani Chiara, Prestianni Elenia, che con competenza hanno descritto la pala  d’altare raffigurante la Madonna con Bambino tra i Santi nell’atto di porgere le indulgenze della Porziuncola a S.Francesco d’Assisi, opera di Giuseppe Zacco del 1805, di pregiata fattura  anche l’armadio  da sagrestia;  dalla chiesa  del Convento  si passa a quella di Cristo Re dove  le piccole guide, Zappulla Flavia, Scoppatura Giovanni , spiegano le opere dentro la chiesa , tra cui  le tele  della Madonna  della mercede e santi, Madonna del Rosario con  S. Domenico e S. Caterina  da Siena, e Sant’Agata del XVIII sec.. Terza ed ultimo itinerario le chiese di S.Giuseppe, S. Anna e  Santa Maria della Guardia  a Borrello. Hanno spiegato ai numerosi presenti le opere della parrocchia Madonna della Guardia gli alunni: Valeria Conti, Giulia Gambero, Chisari Rosanna, Carciotto Grazia ,Anzalone Aurora  ; a turno hanno descritto le tele dipinte di G. Carta, tra cui la Madonna della Guardia  con i Santi Marco, Agata e Lucia ; la Madonna  del Carmelo del 1861 di Santo Strano, le grandi tele sul  presbitero, di Giuseppe Barone  e precisamente l’apparizione  della Madonna nel 1494 nei pressi di Genova, sul monte Figogna e l’eruzione dell’Etna  del 1910 la cui lava, per intercessione della madonna  si fermò a poche centinaia di metri  dall’abitato di Borrello. Di Barone sono anche le tele   di Sant’A Abate e dei Santi  fratelli martiri Alfio, Filadelfo e Cirino, custoditi nella sagrestia, mentre altre opere del Barone sono le otto figure della volta , i due quadri nella  cappella del Crocifisso e l’affresco della Speranza  sulla porta della sagrestia. Alla fine della passeggiata culturale sia la presidente dell’Archeoclub di Belpasso Maria Rosa Vitaliti che l’assessore alla cultura e P.I, Barbara Laudani hanno ringraziato i sacerdoti delle chiese dove  si sono svolte i percorsi d’arte ed un grazie ai protagonisti delle tre giornate, gli alunni  soci iuniores della scuola media statale N.Martoglio ed ai loro docenti.
                                    Il Presidente
                                 Maria Rosa Vitaliti


Il mercatino del carretto siciliano

ISCRIVITI E VENDI I TUOI PRODOTTI

SULLA PIATTAFORMA DI

www.mongibellostore.com

 ACQUISTA PRODOTTI TIPICI / ARTIGIANALI

   

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Vengono utilizzati cookie tecnici e di terze parti . E' possibile conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l'uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.