Abbiamo 550 visitatori e nessun utente online

Trapani, la Cisl FP diffida il Comune al pagamento del salario accessorio ai dipendenti. Corrao: «Risposte immediate o denunceremo l’amministrazione per condotta antisindacale».

Marco Corrao

Il Comune di Trapani non ha ancora proceduto al  pagamento del salario accessorio ai dipendenti relativo alla performance per gli anni dal 2010 al 2017.  Lo denuncia il segretario generale aggiunto della Cisl FP Palermo Trapani, Marco Corrao, che   ha dato mandato ad un legale di inviare  una lettera di diffida all’amministrazione comunale chiedendo di  liquidare entro e non oltre la metà del mese di dicembre 2017  le somme per la produttività spettanti ai lavoratori.
Un inadempimento- si legge nella nota- più volte denunciato dall’organizzazione sindacale che ha anche richiesto di incontrare   l’amministrazione al fine di far cessare tale comportamento illecito.  Nel documento viene specificato  «come  la  disciplina della performance trovi la sua fonte nel combinato disposto del D.Lgs. 150/2009, dell’art.37 del CCNL Regioni ed autonomie locali e, in ultimo, dal D.lgs. 75/2017,  e trovi la sua ratio nella volontà del legislatore di migliorare i servizi tramite un sistema di premialità legato al rendimento dei dipendenti».

«Il Comune di Trapani è inadempiente- sottolinea Marco Corrao- in quanto dal 2010 al 2017 non ha istituito il Sistema di Valutazione, omettendo di individuare le concrete modalità di attribuzione dei compensi per la produttività; conseguentemente, non ha provveduto alla valutazione dei risultati del personale ed alla certificazione degli stessi; e quindi non ha erogato i compensi ai dipendenti».
Corrao ricorda come «solamente il 5 dicembre 2016, a seguito delle continue richieste della CISL FP, è stato approvato il Regolamento comunale di disciplina della Misurazione, Valutazione e Integrità e trasparenza della performance e di adeguamento al D.Lgs 150/2009. Tuttavia, ad oggi, il Comune non ha provveduto a valutare né a versare le somme del salario accessorio accantonate nel Fondo dal 2010».
Come previsto dall’articolo 14 del  Regolamento, entro il 28 febbraio di quest’anno  i Dirigenti avrebbero dovuto valutare tutti i dipendenti al fine di poter erogare o meno il salario accessorio legato alla performance individuale e collettiva. «Tale valutazione, ad oggi- specifica il segretario generale aggiunto della Cisl FP Palermo Trapani- non è pervenuta ai dipendenti o meglio non a tutti i dipendenti, i quali non hanno ricevuto alcuna scheda di valutazione, e conseguentemente non hanno potuto percepire il compenso di performance né individuale né collettiva».
«Questo prolungato inadempimento contrattuale da parte del Comune di Trapani- - evidenzia Corrao-  ha cagionato un grave danno economico ai lavoratori che non intendono più accettare la penalizzazione economica a cui sono ingiustamente sottoposti da oltre sette anni. Se il Comune- aggiunge- non provvederà entro la metà del mese di dicembre di quest’anno a liquidare  le somme per la produttività, la Cisl FP  adirà  le vie legali denunciando l’amministrazione per condotta antisindacale ( ex art. 28 legge 300/70)». Il sindacato altresì si rivolgerà alle autorità competenti – anche penali – per denunciare  il comportamento omissivo per non  aver valutato i dipendenti;  presenterà al Tribunale di Trapani un ricorso collettivo volto alla liquidazione delle somme dovute ed infine  denuncerà  alla Corte dei Conti per danno erariale il comportamento dell’amministrazione comunale.


Turismo/Ospitalità

BELPASSO

Itinerari Turistici

Stagione Teatrale 2018/2019

Il mercatino del carretto siciliano

ISCRIVITI E VENDI I TUOI PRODOTTI

SULLA PIATTAFORMA DI

Piattaforma-prodotti Tipici e Artigianali - comuni Etnei

 ACQUISTA PRODOTTI TIPICI / ARTIGIANALI

 

Tenuta Papale
 Seminara Dolciaria

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Vengono utilizzati cookie tecnici e di terze parti . E' possibile conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l'uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.