Abbiamo 156 visitatori e nessun utente online

Un evento di eccezionale rilevanza naturalistica nella Riserva Naturale Orientale di Vendicari: il ritorno della Caretta caretta



VendicariIn questi giorni il lieto evento con la schiusa di 63 uova di Caretta caretta. Sono cinque i nidi monitorati quest’anno nell’arenile dell'area protetta siracusana, per questa specie minacciata di estinzione a livello globale, ovideposizione registrata a metà luglio di quest'anno, al confine sud della Riserva in contrada Cittadella. L’importante scoperta effettuata dai volontari dell’Ente Fauna Siciliana, durante le perlustrazioni notturne degli arenili della Riserva, nell’ambito del progetto di ricerca Ovideposizione di Caretta caretta realizzato in collaborazione con l’Ente gestore (Dipartimento Azienda Regionale Foreste Demaniali) e con il supporto scientifico della Stazione Zoologica “A. Dorhn” di Napoli e del Dipartimento di Biologia Animale dell’Università di Catania.

Il Centro Recupero Fauna Selvatica di Valcorrente, nella struttura della Provincia Regionale di Catania, coordinata dal naturalista Luigi Lino e dalla responsabile Grazia Muscianisi, d'intesa con il Parco dell'Etna e l'associazione Piuma Bianca guidata da Sergio Mangiameli hanno organizzato una liberazione di animali selvatici, presso il Parco Avventura di Fossa della Nave (Etna sud), alla presenza di un nutrito gruppo di appassionati della natura, ma sopratutto bambini.

Sono stati recuperati dal personale di vigilanza presso il sito M6 di 3Sun nella zona industriale di Catania, 2 pullus (cresciutelli) di Gheppio (Falco tinnunculus), caduti sicuramente dal nido, si apprestano a tentare le prime prove di volo. Nei giorni scorsi, Carmelo Nicoloso responsabile del Comitato Parchi per il mezzogiorno d'Italia, che lavora presso il sito M6, aveva visto in volo 2 esemplari adulti di Gheppio, sicuramentee si dirigevano nel nido per dare da mangiare ai pullus, parlando con un collega si faceva riferimento proprio a questa presenza di pulcini. Il caso ha voluto che i 2 pulcini fossero consegnati proprio al referente del Comitato Parchi, il quale opera congiuntamente con gli amici del Fondo Siciliano per la Natura, specificatemente con il responsabile Luigi Lino. Gli esemplari di Gheppio sono stati consegnati ai volontari del Centro Recupero Fauna Selvatica di Valcorrente, nella struttura della Provincia Regionale di Catania.

 

Quando qualcuno (comprese le istituzioni) mi chiedevono chi e' Antonio Nicoloso, la mia risposta e' stata "LA PIU' GRANDE GUIDA DELL'ETNA", anche se e' necessario fare una fondamentale precisazione - Antonio Nicoloso era una guida alpina e vulcanologica, era presidente del colleggio regionale sicilano, sicuramente conosceva l'Etna come pochi, ma conosceva tantissimi vulcani sparsi per il mondo dall'America all'Africa.

I Premi “Ambasciatore della Natura” sono stati assegnati per il corrente Anno 2013 ai personaggi distintisi per il grande impegno nella difesa del patrimonio ambientale, naturale, ecologico e paesaggistico in Italia e nel mondo. Ecco i nomi dei premiati:
Donatella Bianchi, attivissima giornalista conduttrice di Linea Blu, ben nota per il suo costante impegno in difesa del mare, ha contribuito in modo eccellente a far crescere nel nostro Paese una vera cultura dell’ambiente marino e un convinto amore per la straordinaria vita ad esso legata;
Francesco Maria Raimondo, illustre studioso della flora, Direttore dell’Orto Botanico di Palermo, e Presidente della Società Botanica Italiana, da sempre validissimo promotore della salvaguardia dell’eccezionale biodiversità della Sicilia, con particolare attenzione ai tesori delle Madonie;

Turismo/Ospitalità

BELPASSO

PROMO - weekend

Itinerari Turistici

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Vengono utilizzati cookie tecnici e di terze parti . E' possibile conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l'uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.