Abbiamo 104 visitatori e nessun utente online

Premio Ambasciate della NaturaLe Care Montagne che parlano di Dio”: una festa per la Salvaguardia del Creato in onore al Beato Giovanni Paolo II, una combinazione di momenti che viene vissuta da alcuni anni ai piedi della Montagna Sacra al Centro del Mediterraneo, con la presenza e partecipazione di diversi gruppi religiosi, nonché rappresentanze militari e civili delle varie istituzioni, quindi del volontariato, non solo quello naturalistico-ambientale, ma anche della protezione civile, del socio-sanitario e di tanti altri. Tutto ciò grazie ad un testimonial eccezionale qual’è Tom Perry “l’uomo a piedi nudi” supportato da Maurizio Dal Bosco e Carmelo Nicoloso, quindi ad un’autorità di congiunzione qual è il presidente del consiglio Valdostano Albert Cerise (guida prediletta da Papa Wojtyla), fondamentale  la collaborazione della giornalista Rai Alessandra Ferraro.

LocandinaVerranno consegnati il 12 maggio 2012 ad Acireale i Premi “Ambasciatore della Natura”assegnati per il corrente Anno 2012 ai personaggi distintisi peril grande impegno nella difesa del patrimonio ambientale, naturale, ecologico e paesaggistico in Italia e nel mondo. Per la prima volta, questo prestigioso riconoscimentodel Centro Parchi Internazionale è stato attribuito a due abruzzesi, mentre accanto a loro figura anche un giovane e promettente siciliano.
Ecco i nomi dei premiati:
Maria Rita D’Orsogna, insigne studiosa italo-americana di fisica, docente in California ma attivissima nel combattere l’invadenza delle trivellazioni petrolifere in Italia e nei mari circostanti;
Sergio Rozzi, sportivo e attivista marsicano, apprezzato specialista dei parchi nazionali e tenace promotore della cooperazione internazionale tra Italia e Perù e della salvaguardia delle Ande; Tommaso Ferraro, sportivo siciliano detentore del primato di immersione subacquea per non vedenti e protagonista di molte altre imprese, impegnato nella cooperazione con l’America Latina.

FIGLIO DI UN DIO NETTUNO MINORE

logo-viva_il_mareS.O.S. per il Canale di Sicilia, una delle zone del Mediterraneo più ricche di biodiversità, e più importanti per la vita del mare. Censito dalle Nazioni Unite (UNEP-MAP) come una delle dodici aree da sottoporre a rigorosa protezione, e meritevole di speciale attenzione da parte dell’Italia per la prossimità di Isole come Pantelleria. La “Perla Nera del Mediterraneo”, infatti, da tempo nell’elenco dei possibili nuovi Parchi Marini, viene oggi inspiegabilmente esclusa dalla tutela per una assurda clausola delle norme (qui in calce riportate) che recepiscono la Direttiva Europea.

Dall’ultimo dopoguerra in poi, l’Italia ha sempre imitato il modello degli Stati Uniti d’America: traendone alcune cose buone e magari altre assai meno buone, ma certamente non riuscendo ad assimilare i valori fondamentali che hanno fatto grande quel Paese. Come il senso del bene collettivo, l’unità  nei momenti difficili, lo spirito di innovazione, l’impegno per la missione civile, e la sacralità della memoria storica, del patrimonio naturale e dei parchi nazionali.

amp_istituitepE’sempre un gran piacere ritrovarsi a discutere  sullo status delle Aree Marine Protetteesistenti in Sicilia con un amico come il prof. Pino Giaccone, per diversi anniordinario di botanica presso l’Università di Catania, ma soprattuttoriferimento nodale per la tutela del mare nel Mediterraneo, diversi i suoiinterventi presso UNEP (agenzia per la conservazione ambientale delle Nazioni Unite) nonché una gran quantità di pubblicazioni scientifiche in ambitointernazionale, protagonista attivo per l’istituzione dei primi Parchi Marini in Italia con Miramare (Trieste)ed Ustica (Palermo).
Seppureil prof. Giaccone è da quasi 4 anni in pensione, ci ritroviamo spesso acondividere iniziative ed argomenti naturalistico spirituali che ci accomunano,quasi sempre il Mare Nostrum diventa il sito ottimale delle nostreargomentazioni.

Turismo/Ospitalità

BELPASSO

PROMO - weekend

Itinerari Turistici

 

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Vengono utilizzati cookie tecnici e di terze parti . E' possibile conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l'uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.