Abbiamo 441 visitatori e nessun utente online

BELPASSO - Ha aperto la 2^ edizione di bibliotecando nei locali della biblioteca comunale di Belpasso Roberto Sava, la dott.ssa Roberta Tomasello, con la conferenza dalle Alpi all’Etna: Belpasso e la grande guerra tema della sua tesi di laurea . Grazie a Gianni De Luca, già lo scorso anno si sono riaperte le porte della biblioteca per incontri culturali. Dopo i saluti del sindaco dott. Daniele Motta, e del responsabile del settore cultura, Gianni De Luca,

sentire parlare della prima guerra mondiale da parte di una giovane laureanda fa onore alle memorie del passato ai sacrifici umani che le guerre, tutte le guerre causano, e Roberta Tomasello ha reso onore con la sua tesi e conferenza alla memoria dei caduti di tutto il mondo, infatti la guerra è stata chiamata prima guerra mondiale, e ricordando i caduti della Sicilia e della sua cittadine Belpasso. La neo dott.ssa Roberta Tomasello ha incentrato la sua riflessione sul perché la prima guerra fu definita come un conflitto mondiale e di massa perché per la prima volta combattono tutte le potenze mondiali dove muoiono dodici milioni di soldati nel mondo e circa un milione di italiani tra vittime civili e militari. La Sicilia, sottolinea Roberta Tomasello, fu la ragione che inviò più uomini al fronte, circa mezzo milione e di questi 53.000 persero la vita sui campi di battaglia o per ferite riportate in combattimento. Con sobrietà e leggerezza di linguaggio , Roberta ha evidenziato le cause della grande guerra, oltre all’assassinio dell’erede al trono asburgico Francesco Ferdinando e della moglie Sofia a Sarajevo ma soprattutto alle alleanze difensive formate negli anni 90 dell’800 ovvero la Triplice Intesa tra Inghilterra, Francia e Russia e la Triplice Alleanza di Germania, Austria e Italia, alleanze che causarono l’estensione mondiale del conflitto. Inoltre Roberta con chiarezza e semplicità spiega ai presenti le altre cause della Grande guerra come la competizione economica politica tra le potenza, la diffusione della cultura politica nazionalista e la instabilità della regione balcanica. a relatrice ha chiuso la conferenza delineando le conseguenze della Grande guerra e cioè, il nuovo assetto geopolitico dettato dai trattati di pace, il grande dissesto economico, il declino della supremazia europea e con il ricordo dei militari belpassesi caduti in guerra , 151, riportati nel monumento ai caduti di Belpasso. Infine Roberta ricorda i tre decorati di medaglia in bronzo al valore militare: Giovanni Floresta, Antonio Toscano ed Eugenio Valenti.


Turismo/Ospitalità

BELPASSO

Itinerari Turistici

Stagione Teatrale 2018/2019

Il mercatino del carretto siciliano

ISCRIVITI E VENDI I TUOI PRODOTTI

SULLA PIATTAFORMA DI

Piattaforma-prodotti Tipici e Artigianali - comuni Etnei

 ACQUISTA PRODOTTI TIPICI / ARTIGIANALI

 

Tenuta Papale
 Seminara Dolciaria

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Vengono utilizzati cookie tecnici e di terze parti . E' possibile conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l'uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.