Abbiamo 707 visitatori e nessun utente online

con gli alunni della scuola primaria Giovanni Paolo II di Piano Tavola.

L’archeoclub  sede di Belpasso, nell’ambito  del protocollo d’intesa con la scuola Giovanni Paolo II di Piano tavola-Belpasso ,  del progetto didattico  alla scoperta  e conoscenza dei luoghi storici ed archeologici  del  proprio territorio, dopo la visita a cura della presidente , Maria Rosa Vitaliti , al sito storico Cisterna Regina,  ha portato  gli alunni delle terze, quarte e quinte elementari , insieme alle docenti, Gabriella Scuderi, Lucia Rapisarda e  Trischitta Rosy, a visitare il sito archeologico  in contrada  Grammena a Valcorrente, ruderi  di una chiesetta-basilica, segnalata nel 2007 dall’appassionato della storia di Belpasso, Venerando Bruno..

Alla scoperta del territorio di Belpasso, la presidente archeoclub di Belpasso, porta in visita agli alunni I.C  Giovanni Paolo II di Piano tavola a "Cisterna Regina".

Nell’ambito del programma dell’Istituto comprensivo  Giovanni Paolo II di Piano Tavola , quartiere di Belpasso, classi terze, quarte e quinte, in collaborazione con l’archeoclub d‘Italia sede di Belpasso, protocollo d’intesa per la  conoscenza del paesaggio e territorio di Belpasso, la presidente Maria Rosa Vitaliti, in classe, tramite video, ha  illustrato, il sito storico Cisterna Regina.

per la salvaguardia delle tradizioni di Acitrezza

Nell’aula  conferenze della scuola Pizziconi la presidente dell’archeoclub di Catania, prof.ssa Giusi Liuzzo  ha presentato  “Acitrezza: storia, fede e tradizioni organizzata dal presidente del Centro Studi Acitrezza Antonio Castorina coadiuvato dai soci Luisa Marino, Giuseppe La Rosa, Daniela D'Arrigo, Salvatore Valastro,Sebastiano D'Ambra e Giovanni Zuccarello.
Ha aperto l'incontro la presidente dell'Archeoclub dott.ssa Liuzzo che ha fatto una panoramica sulle prossime iniziative del club e poi ha introdotto i partecipanti. Il tema trattato dai relatori è stato suddiviso in cinque sezioni: la fondazione di Aci Trezza e lo sviluppo urbanistico, economico e sociale della cittadina (Castorina), il culto mariano in Aci Trezza, con particolare attenzione alla fede dei pescatori verso la Madonna della Buona Nuova (La Rosa); il rapporto tra gli abitanti del paese e la natura ancora presente soprattutto nella zona dei basalti colonnari, testimonianze delle prime eruzioni etnee, e le Isole Ciclopi (Marino), le antiche tecniche di costruzione di barche operate dai mastri d'ascia del cantiere Rodolico (Valastro), la navigazione a vela latina nel golfo di Catania (D'Ambra). Inoltre l'attore Giovanni Zuccarello ha letto dei brani relativi ai miti che secondo la tradizione si sono svolti ad Aci Trezza.
Ha coordinato i lavori Daniela D'Arrigo. Un dibattito tra i presenti ed i relatori ha chiuso la serata.
L'evento è stato un successo di pubblico e di critica e le parti hanno convenuto di organizzarne un altro entro la primavera.

Nell’ambito delle conferenze dedicate alla donna , il presidente archeoclub Catania , Giusi Liuzzo ha presentato la scrittrice Teresa Agata Motta , autrice del libro “Donne nel tempo” coadiuvata da proiezioni, relativi a usi e costumi delle figura femminili. .
La scrittrice introduce l’argomento sul ruolo che la donna ha avuto nell’ambito sociale in ambienti umili e altolocati, attraverso i secoli e la sua continua restrizione che, solo con la tenacia, la pazienza e la voglia di emergere c’è riuscita.. Interessante è stata la minuzia di tante piccole chicche nel percorso nei secoli della donna, viste attraverso diapositive a colori, quali il telaio, la tessitura, la tintoria, l’abbigliamento, la moda, la pettinatura, la cucina, i bagni, la musica, la danza, la vita medievale, dall’ambiente altolocato al popolo. Secondo l’autrice, la donna è sempre stata, in sordina, a migliorare il mondo circostante con la sua tenacia e con la sua creatività; sotto regimi più accondiscendenti, altre volte più rigidi.

dove morì il re di Sicilia Federico III D'Aragona ???

Il presidente dell’Archeoclub di Belpasso, Maria Rosa Vitaliti, nell’ambito degli appuntamenti nelle scuole per fare conoscere il territorio, ha organizzato una lezione di storia per alunni e docenti della scuola media statale N.Martoglio a cura del prof. , ricercatore e scrittore, Santi Maria Randazzo che, con inedite immagini ha illustrato ai presenti “il luogo di morte e di mummificazione del re di Sicilia Federico III nel 1337. Il relatore facendo riferimento a Guglielmo Policastro sottolinea che “ Il re Federico III si trovava nel castello di Enna, e colto da un malore decise di tornare nella sua capitale, in Catania; ma giunto a Paternò, aggravatosi dovette riparare nell’ospedale dei Gerosolimitani, “ove morì sullo spirar di quel mese di giugno del 1337.

Regalati...

Il mercatino del carretto siciliano

ISCRIVITI E VENDI I TUOI PRODOTTI

SULLA PIATTAFORMA DI

Piattaforma-prodotti Tipici e Artigianali - comuni Etnei

 ACQUISTA PRODOTTI TIPICI / ARTIGIANALI

   

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Vengono utilizzati cookie tecnici e di terze parti . E' possibile conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l'uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.